8

Quasi la metà di tutte le nostre angosce e le nostre ansie derivano dalla nostra preoccupazione per l’opinione altrui.

 

Il disturbo d’ansia sociale si caratterizza per una intensa paura o ansia legate a situazioni sociali in cui la persona può essere esaminata dagli altri e teme di essere valutata negativamente. Tali situazioni comprendono le interazioni sociali (ad esempio incontrare persone sconosciute, tenere una conversazione), l’essere osservati (ad esempio mentre si mangia) ed eseguire una prestazione di fronte ad altri (ad esempio fare un discorso). Paradossalmente la fobia sociale può essere innescata anche da attenzioni positive ricevute, come elogi sul lavoro o il riconoscimento di un premio.

pexels-photo-3326738

Chi soffre di fobia sociale prova ansia e paura in misura sproporzionata rispetto alla reale minaccia della situazione sociale e ciò causa un disagio clinicamente significativo che può compromettere il suo funzionamento in ambito sociale, lavorativo o in altre aree della sua vita.

Per questo la persona cercherà, per quanto possibile, di evitare tali situazioni per proteggersi dall’ansia e dalla paura che ne deriverebbero. Col passare del tempo diventerà abile nell’evitare tali situazioni rendendo a volte difficile individuare il suo disagio.

Spesso la focalizzazione della propria preoccupazione riguarda gli eventi passati su cui ci si blocca a rimuginare se si è fatta o detta la cosa giusta o meno. Tale rimuginazione post evento può rivelarsi molto distruttiva.

La fobia sociale legata solo alla performance si manifesta nelle persone che devono svolgere particolari prestazioni lavorative (atleti, musicisti, intrattenitori) ed quindi compromettono pesantemente la loro area professionale, ma non provocano comportamenti di evitamento in altre situazioni sociali che infatti non vengono temute.

Questo disturbo non ha a che fare con l’introversione. 

Introversione ed estroversione sono tratti di personalità relativi alla quantità di interazioni sociali che una persona desidera avere. Gli introversi possono attribuire più valore al tempo trascorso in solitudine di quanto non facciano gli estroversi. La differenza sta che chi soffre di fobia sociale desidera frequenti interazioni con gli altri, ma queste gli provocano molta ansia e la necessità di rifuggirle.

 

 

Verde Potere Testo- Icona Negozio Etsy-2

Senti che il disturbo d’ansia condiziona la tua vita?
Scrivimi e ti ricontatterò per fissare una consulenza vis a vis o on line